Capo lungo del bicipite brachiale: problematiche e ruolo biomeccanico

lussazione della spalla
Lussazione della spalla, cos’è e come trattarla
2 Maggio 2024
Osteopatia e Terza età, quel sorriso che rispunta sul viso dei nostri nonni
7 Maggio 2024
Mostra tutto

Capo lungo del bicipite brachiale: problematiche e ruolo biomeccanico

Capo lungo del bicipite brachiale

Il capo lungo del bicipite brachiale è un muscolo chiave della parte superiore del braccio, che ha origine nella parte superiore della cavità scapolare e si estende fino a poco sotto il gomito. Fa parte del muscolo bicipite brachiale più grande, che comprende anche un segmento più corto che parte dal processo coracoideo della spalla. La porzione più lunga non solo è più forte, ma è anche essenziale per stabilizzare la spalla, aiutando altri muscoli come la cuffia dei rotatori a mantenere sicura l’articolazione della spalla. Il capo lungo del bicipite brachiale svolge un ruolo fondamentale nel consentire il movimento del gomito e dell’avambraccio e aiuta a ruotare il braccio verso l’interno.

Tuttavia, può essere soggetto a lesioni dovute a un uso o a sovraccarichi eccessivi, all’invecchiamento oppure ad esercizi fatti in modo scorretto.  I problemi più comuni includono la tendinite, un’infiammazione del tendine che se non viene trattata tempestivamente può progredire fino ad alterazioni più gravi della struttura del tendine. Se il muscolo o il tendine vengono sollecitati eccessivamente, possono verificarsi anche lesioni più gravi, come strappi o rotture, in cui il muscolo si ‘spezza’ improvvisamente provocando un dolore intenso, spesso accompagnato da un rigonfiamento visibile nel braccio, noto come Popeye sign (“Braccio di Ferro”). Le lesioni del capo lungo del bicipite possono anche includere delle forme di instabilità in cui il tendine scivola fuori dalla sua posizione normale, e le lesioni da avulsione, in cui il tendine invece si stacca dall’osso. Queste lesioni di solito causano un dolore nella parte anteriore del braccio, oltre a debolezza, gonfiore e movimenti limitati.

La diagnosi di queste condizioni richiede spesso un’artroscopia, una procedura chirurgica minore che consente ai medici di guardare all’interno dell’articolazione. Il trattamento di solito inizia in modo conservativo con riposo, ghiaccio e terapia fisica. I casi più gravi possono richiedere un intervento chirurgico. È fondamentale rivolgersi a un professionista per una valutazione approfondita e un piano di trattamento personalizzato, poiché una cura tempestiva e adeguata può prevenire ulteriori danni e favorire il recupero del paziente.

Capo lungo del bicipite brachiale: problematiche e ruolo biomeccanico
Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Utilizzando questo sito web accetti la nostra Politica sulla protezione dei dati.
Scopri di più